MARAFFONE

English Deutsch Français español русский chinese český
banner
Facebook Fan Page Twitter
MARAFFONE

Voti

ricevuti
1801

Vota il tuo mito!

MARAFFONE

Il gioco di carte della Romagna

maraffone, con doppia “effe”, è la traduzione italiana della parola dialettale “marafon”. Si tratta di un gioco a carte diffusissimo in Romagna. La tradizione vuole che si giochi a maraffone con le carte romagnole e dice che il questo gioco abbia avuto origine in un’area geografica compresa tra Forlì, Cesena, San Pietro in Vincoli, Russi e Faenza, prima di superare abbondantemente i confini della regione Emilia Romagna. Infatti, grazie all’apporto dei turisti che hanno conosciuto e ‘sperimentato’ il maraffone in riviera, questo si è notevolmente diffuso, ed oggi ai suoi tornei partecipano numerosi, agguerriti, giocatori dalla provenienza più disparata.
Il maraffone ha origine in Romagna nelle serate al bar o all’osteria, dove i nostri nonni si recavano dopo una dura giornata di lavoro e veniva giocato tra le astuzie, gli ammiccamenti, il gergo colorito e le bevute di buon vino. Giocavano con mazzi di carte logore dal tanto uso e mentre giocavano si inumidivano le dita per poter distribuire meglio le carte, per non sbagliarsi a “darle”….
Quando è nato il maraffone? Il dizionario romagnolo del 1863 del faentino Morri, e quello del Mattioli del 1879 non riportano la voce “marafon”, ma ciò non significa che allora il gioco non venisse già praticato. La diffusione puramente orale del maraffone in settori “chiusi” e circoscritti, può darsi che ne abbia impedito la cognizione negli ambienti socialmente e culturalmente più “elevati” di lingua italiana, che costituivano, a loro volta, un sistema chiuso.
Certamente il maraffone è da lungo tempo il gioco “nazionale” della Romagna, gioco nel quale il romagnolo DOC esprime meglio le sue peculiarità: egli è cocciuto e caparbio, tracotante e determinato, ma tuttavia estremamente generoso ed entusiasta, alza la voce facilmente, sia per arrabbiarsi ed offendere sia per gioire e compiacersi. Il tutto succede, ovviamente, in un’atmosfera di amicizia e di competizione più o meno sportiva….
Fino a pochi anni fa il maraffone era un gioco tipicamente maschile, ‘da uomini’, insomma, perché sanguigno e immediato, oggi però anche le donne amano giocare e dare del filo da torcere ad amici, fidanzati e mariti. I premi in palio, al termine dei moderni tornei, sono vari, ma tra i più apprezzati e diffusi rimangono i vini e le bontà gastronomiche del territorio emiliano romagnolo. Ecco allora che tra la posta in gioco si trovano prosciutti, formaggi, salami, mortadelle, pezzi di parmigiano e bottiglie di Albana e sangiovese, per citare alcuni dei favoriti….
Il maraffone di Forlì e Cesena cambia nome nelle zone di Ravenna e Faenza, diventando il Beccaccino o Tressette con taglio. Del Marafon o beccaccino o anche ‘tri sett con e taj’ esiste esclusivamente, come si diceva, una tradizione orale, che spiega la gran quantità di piccole varianti che compaiono non solo da città a città, ma anche da centro a periferia, e addirittura da bar a bar.
Eccovi, per finire, alcune parole chiave, per i novizi che vogliono avvicinarsi al tavolo del maraffone: “Böss, strèss, vòl” (busso, voglio la migliore, striscio, ne ho ancora, volo, non ne ho più) si tratta, ovviamente, di parole del dialetto romagnolo. Buon divertimento!

Partecipa al primo torneo di maraffone/Beccaccino da Record!

Inserisci Commento

e-mail

Nome

Commento
captcha
Ricarica l'immagine
Dichiaro di accettare le informazioni sulla privacy
Data: 22/07/2009

E'MOLTO DIVERTENTE

Data: 16/04/2009

è un peccato che un gioco così nobile sia giocato da sempre meno persone... e anche i giovani si chiaman tra di loro "vecchi" se si vedono con le 10 carte in mano...

Data: 04/12/2008

il gioco del beccacino e una arte quindi queste tradizioni romagnole le dobbiamo portare avanti noi romagnoli puri doc ciao sauro

Data: 07/11/2008

...interessante lo studio del nome. ma si scrive MARAFONE E NON MARAFFONE ..... Stefano Pelloni

Data: 20/10/2008

Ho scoperto questo sito solo oggi... devo dire che tutto questo è davvero bellissimo!!! quà si riscopre davvero la nostra romagnolità,..... evviva la Romagna!!! C'è per caso qualcuno che sia a conoscenza di un'eventuale regolamento del maraffone??? Grazie... Gabriele

Data: 26/09/2008

Narra una leggenda che il marafone ha origini etrusche; ecco perchè a Rocca San Casciano, già provincia di Firenze, esiste una "scuola"famosa per il gioco urlato. Basta passare dalla centrale piazza Garibaldi davanti ai bar ed è tutto un gran vociare. Si dice che certo Bertòn Cappelli, sia attualmente annoverato tra i migliori istruttori di questo simpatico gioco a carte....

Data: 07/07/2008

beccacino!!!!! quanti ricordi,mio padre non voleva mai perdere.si giocava ai 31 punti,poi 5 briscole,o si vinceva tutto op. si faceva la bella.

Data: 04/07/2008

Beccacino a 31, poi briscola chi arrivavava x prima a 5.Con mio padre. Quando perdeva aveva giocato x stare insieme x divertimento,se vinceva era un'altra cosa.Non serve solo la fortuna x vincere.Solo in romagna si gioca.è un peccato.

Data: 10/05/2008

c'è gente che gioca da una vita a maraffone, ma alla fine di ogni partita fà sempre delle grandi discuissioni ììì come mai ??????? x mè sono scarsi ìììì

Data: 31/07/2007

Ciao Sileno, Come va la vitaccia? No, non e' un caso di omonimia, sono proprio io quel Marafon ...... vecchi ricordi di naia! Carissimi saluti Alberto

Vai a pagina 1 2 3
I miti più amati
A Cesena