Passatelli

English Deutsch Français español русский chinese český
banner
Facebook Fan Page Twitter
Passatelli

Voti

ricevuti
3592

Vota il tuo mito!

Passatelli

La minestra romagnola

Tra i tanti piatti tipici della Romagna la minestra in brodo più caratteristica, più originaria, più romagnola è quella dai passatelli, sicuramente una delizia per il palato che vale la pena imparare a cucinare.
Questa particolare bontà nasce da un impasto di uova, formaggio, pane raffermo grattugiato, noce moscata, eseguiti con l'apposito ferro da passatelli. Infatti, per preparare i passatelli sarebbe necessario usare un attrezzo particolare, il "ferro per i passatelli", difficilmente reperibile al di fuori della Romagna. In alternativa, è però possibile utilizzare con buonissimi risultati uno schiacciapatate a fori grossi. I passatelli in brodo sono squisiti e riescono benissimo anche in brodo di pesce.

 
Ingredienti (per 4 persone)
Per l’impasto:
3 uova, 200gr. Parmigiano, 200gr. Pane grattato, la buccia di 1/2 limone grattugiata, 3 cucchiai di farina, noce moscata q.b.
Per il brodo:
In una pentola, in 4-5 litri di acqua fredda, mettere ¼ di gallina, un pezzo di manzo, un osso di bue, un pezzo di cipolla, un gambo di sedano, una carota, tre dadi, due pomodori. Far bollire per due ore. Togliere la carne e le verdure e passare il brodo con un colino in un altro recipiente un po’ largo.

Preparazione
Poni il pane grattato a fontana e riempi al centro della buca le uova; aggiungi il parmigiano, una grattata di noce moscata, la scorza del limone, un mestolino di brodo, sale e pepe dosati.
Cerca di amalgamare con le mani gli ingredienti fino a far raggiungere all’impasto una certa compattezza; intanto porta ad ebollizione il brodo. Fai riposare l’impasto almeno cinque minuti.
Passa l’impasto a tocchetti nello schiaccia patate e ricava i passatelli lasciandoli cadere direttamente nel brodo bollente. (se si ha il ferro dei passatelli usare quello) Bisogna farli cuocere fino a quando affioreranno in superficie.

Servi la minestra ben calda, aggiungendo a piacere in ogni piatto un po’ di parmigiano grattugiato.
E … Buon Appetito !

Inserisci Commento

e-mail

Nome

Commento
captcha
Ricarica l'immagine
Dichiaro di accettare le informazioni sulla privacy
Data: 24/12/2010

SONO BUONISIMI, LI HO SEMPRE MANGIATI A PREDAPPIO DALLA MIA BISNONNA CHE PURTROPPO ORA NON C'E' PIU', MA HO IMPARATO. AUGURI A TUTTI.

Data: 11/12/2010

domanda dove posso trovare l'attrezzo per fare fare i passatelli

Data: 07/12/2010

credo proprio che la differenza tra i passatelli di Romagna e quelli di Boiogna sia nel midollo e nel burro che nei romagnoli non devono essere usati: quii ad bulegna, in fati, i è slevde.

Data: 09/11/2010

Si va bene l'importante il pane deve essere quello bianco comune evvaiiii

Data: 09/11/2010

Io non metto ne farina ne sale, ma abbondo un pò nella scorza di limone grattata e nella noce moscata. Aahh !, scusate, dimenticavo la cosa più importante: nel brodo, il quarto di gallina deve essere sostituito con 1/2 FAGIANELLA. Perchè nella foto iniziale non avete inserito il vero ferro da passatelli che oggi è quasi introvabile anche in Romagna?

Data: 28/10/2010

Mia nonna non metteva la farina.

Data: 12/03/2010

niente farina e no limone io non peso gli ingredienti ho imperato da mia madre tutto ad occhio...e sono ottimi...

Data: 18/02/2010

scusate, ma i passatelli si fanno solo in brodo?

Data: 11/01/2010

allora : sini sardo ,ma di origini emiliane , mia nonna li preparava casi': per 4 persone ,4 russi d'uovo (solo rossi) a limite se risulta un po' duro l'impasto aggiungete un altro rosso, 4 o 5 cucchiai di pane grattato , parmigiano in parti uguali , ma, regolatevi voi ,se aggiungere un po' di piu' di pangrattato , ( l'impasto deve risultare molto compatto tendente al duro , ma nn troppo) sale pepe , e noco moscata , la vera ricetta riporta anche il midollo dell'osso del bollito (chiaramente inglobato nell'impasto). cmq quello a discrezione e gusto , ma e' speciale . NIENTE LIMONE NIENTE FARINA , MA QUANDO MAI. Marco

Data: 04/01/2010

Oddio quanta superficialità e quanti saputelli: Bisogna innanzitutto distinguere da ciò che realmente è e da quello che ci piace di più. Detto questo vi posto la vera ricetta dei passatelli secondo la tradizione romagnola. Poi ognuno è libero di farli come vuole. Basta non dire che la propria ricetta è quella vera. dose per 4 persone: Formaggio grana grattugiato gr. 120; pane grattugiato (da pane bianco senza la crosta) gr. 120; midollo di bue freschissimo; gr. 30; noce moscata; 3 uova; 1 limone; sale; brodo di carne. Preprazione: Inutile dirvi come si fa il brodo di carne (chi cucina con un po' di passione dovrebbe saperlo fare a dovere). Rompere in una terrina le uova (intere), grattuggiare un po' di noce moscata, la scorsa del limone e il sale, sbatterle con una forchetta e aggiungete poi il grana grattuggiato, il pane ed il midollo un poco ammorbidito. Mescolate bene amalgamando alla perfezione gli ingredienti. A lavoro finito l'impasto dovrà risultare appena più sodo di un purè di patate (molto importante per una tenuta in cottura) Quindi se troppo morbido aggiungete un po' di pane e se invece troppo sodo un po' di brodo. Per il resto è inutile che mi dilunghi tanto sapete bene che bisognerebbe usare il ferro o in alternativa un passapatate dai fori larghi e far cadere i passatelli direttamente nel brodo in ebollizione. Naturalmente non bisogna aggiungere ulteriore parmigiano....ma a chi piace..... Buon appetito e ........come vedete il limone ci va.

Vai a pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
I miti più amati
A Cesena